uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
     
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ] 10538


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  




[10538]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Una giornata speciale

Abolrish

44quds5.jpg

19 settembre 2009

video

Confesso che ero un po' in apprensione. L'opposizione doveva dimostrare non tanto di esistere, quanto di saper ancora scendere in piazza e delegittimare il governo con la propria presenza fisica. Non era scontato. Nulla è scontato quando si parla delle masse.

Tutto ciò a distanza di quasi due mesi dall'ultima manifestazione massiccia, quella avvenuta in occasione della preghiera del Venerdì di Rafsanjani. L'occasione era fornita da una delle ricorrenze "liturgiche" del regime: la giornata di Qods, in cui si manifesta per Gerusalemme in solidarietà coi palestinesi.

Una tipica situazione cosiddetta "win-win": la manifestazione è un appuntamento importante per gli obiettivi di politica internazionale del regime. Non può assolutamente essere cancellata, pena l'ammissione pubblica di una cosa che ormai sanno tutti: che il governo non controlla il paese. Essendo una manifestazione autorizzata, dunque, non può essere repressa.

E' ovvio che il regime non può selezionare "a monte" chi partecipa, deve solo sperare che gli oppositori stiano a casa a grattarsi. Ma non è successo. E' successo invece che, anziché le solite 20-30 mila comparse di professione di ogni anno, stavolta sono apparsi una milionata di oppositori con vestiti, braccialetti, foto di Karoubi e Mousavi, e bandiere verdi. In tutto il paese.

Così l'opposizione, dopo aver espropriato il colore verde dell'Islam e "Allahu Akbar", di fatto espropria anche la manifestazione del Quds. O forse sarebbe meglio dire che si riappropria degli spazi pubblici. Quando l'altoparlante dell'organizzazione dice "morte a Israele", la massa risponde "morte alla Russia" colpevole di essere stato il primo paese a riconoscere Ahmadinejad.

Il filmato che ho postato qui sopra (ringrazio mia sorella per avermelo fornito) riguarda un pezzo della manifestazione di ieri a Teheran. E' emblematico. Il filmato inizia inquadrando un gazebo "istituzionale" di fedeli al governo. Vediamo bandiere dei Pasdaran e sentiamo l'altoparlante che invoca l'apparizione del Mahdì.

Poi la videocamera inquadra la folla verde tutta attorno al gazebo, che tuona "marg bar diktator", "morte al dittatore". La folla sovrasta il gazebo, con i corpi e con le voci. Potrebbe linciare gli occupanti in un istante, ma non lo fa. Si limita alla derisione, e dalla faccia degli occupanti traspare la coscienza di trovarsi nella parte sbagliata del mondo.

La derisione è sottolineata dal regista con una marcetta che accompagna la scansione ritmica delle parole "marg bar diktator". L'effetto è impietoso: epico e satirico allo stesso tempo. Il risultato narrativo implicito è che il Mahdì è apparso sotto forma di questa marea, e vi sta facendo un mazzo così, solo che siete troppo ottusi per accorgervene!

Il riapproriamento degli spazi pubblici da pate dell'opposizione, ieri, era tale da aver reso impossibile il lavoro delle reti televisive nazionali. La prima rete si è ritrovata a dover interrompere un'intervista in diretta ad Ahmadinejad. La sua voce era coperta dal l'imbarazzante coro "dimissioni! dimissioni!" proveniente dalla manifestazione alle sue spalle.

Ahmadinejad era visibilmente nervoso. Il suo discorso dal palco è durato una ventina di minuti e sostanzialmente si è limitato a negare l'olocausto, mentre fuori - nel mondo reale - lo slogan più gettonato della manifestazione era "non Gaza, non Libano: la mia vita per l'Iran".

Tutte le sei reti ad un certo punto hanno smesso di trasmettere in diretta le immagini della manifestazione: era impossibile non inquadrare le bandiere verdi e zittire gli slogan del movimento, e va notato che per la TV nazionale non esiste ufficialmente alcun movimento di opposizione in Iran ma un complotto ormai sconfitto dalle forze dell'ordine...

Allo stadio Azadi c'era un'importante partita del campionato. La TV ha dovuto trasmettere le immagini in differita e in bianco-nero così non si vedeva il verde sugli spalti! Insomma avanti così, a Teheran, Isfahan, Mashhad, Shiraz, Tabriz, Rasht, Kermanshah, Ahvaz e persino a Qom.

La giornata si è svolta in modo relativamente tranquillo, almeno a Teheran. Se si fa eccezione al fatto che c'è stato un attentato alla vita di Khatami: un assalitore armato di coltello ha cercato di colpirlo ma la folla lo ha fermato, almeno questo è quanto si vede dalle foto e si racconta. Sono apparsi tra la folla anche Mousavi e Karoubi.

Tutto sommato si è avverato ciò che avevo previsto un paio di mesi fa: non si possono fare manifestazioni da centinaia di migliaia di persone tutti i giorni. Nel quotidiano, la lotta alla dittatura assume la forma di "attrito": graffiti, tazebao, roba del genere. Le manifestazioni di massa vanno organizzate bene, e questa era organizzata bene. L'Iran ha molte ricorrenze in cui non è possibile impedire alla gente di scendere per strada.

Insomma bisogna andare avanti così per sei mesi, un anno, e nel frattempo preparare il terreno per arrivare allo sciopero generale. Salvo la possibilità remota e improbabile di un passo indietro del governo.


:: Article nr. s10538 sent on 21-sep-2009 07:16 ECT

www.uruknet.info?p=s10538

Link: abolrish.blogspot.com/2009/09/una-giornata-speciale.html



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet




Warning: include(./share/share2.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385

Warning: include(): Failed opening './share/share2.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php5_4/lib/php') in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385



       
[ Printable version ] | [ Send it to a friend ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

url originale



 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475012153