uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
    
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 01/01/1970 01:00 ] 8212


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  



Video messaggio della Resistenza Irachena


...Oggi vi chiamiamo ancora. Non chiediamo armi o combattenti, dato che ne abbiamo in abbondanza. Vi chiediamo di formare un fronte mondiale contro la guerra e le sanzioni. Un fronte che è governato dal saggio e dal sapere. Un fronte che porterà la riforma e l'ordine. Nuove istituzioni che sostituirebbero l'attuale corruzione (...) Istruite quelli che sono in dubbio sulla natura di questo conflitto e che credono ai media mentre gli incidenti sono ben superiori di quanto loro ammettono. Desideriamo soltanto di avere più macchine fotografiche per mostrare al mondo la loro sconfitta...

[8212]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Video messaggio della Resistenza Irachena

Bloggers per la PACE


Data: 16 Dic 2004 - 18:03

Il documento che segue è stato pubblicato da Information Clearing House, giorno 13 dicembre scorso. Si tratta del testo di un video messaggio della Resistenza Irachena. Ritenendolo interessante per i contenuti anche rivolti all'Europa ne ho tradotto il testo e ne do una pubblicazione a titolo di documentazione.

Messaggio della Resistenza Irachena

"Siamo gente semplice,
che ha scelto i principi al di sopra del timore."


Originale: http://207.44.245.159/article7468.htm
Video del 10 dicembre 2004
http://207.44.245.159/video1/message-from-resistance.wmv



Comunicato numero 6:

Ai media dal plotone dell'Esercito Islamico dello Jihad. Nel 27 giorno del mese di Shawal anno 1425. 10 dicembre 2004.

Popoli del mondo! Queste parole vengono a voi da coloro che, fino al giorno dell'invasione, stavano lottando per sopravvivere sotto le sanzioni applicate dai regimi criminali degli Stati Uniti e della Gran Bretagna.

Siamo gente semplice, che ha scelto i principi al di sopra del timore.

Abbiamo sofferto i crimini e le sanzioni, che consideriamo armi da equiparare a quelle di distruzione di massa.

Anni ed anni di agonia e di disperazione, mentre condannati le Nazioni Unite hanno commerciato con nostri redditi dell'olio in nome della stabilità e della pace del mondo.

Oltre due milioni di innocenti sono morti aspettando di vedere una luce all'estremità di un tunnel, che si è concluso soltanto con l'occupazione del nostro paese ed il furto delle nostre risorse.

Dopo i crimini delle gestioni degli Stati Uniti e della Gran-Bretagna in Iraq, abbiamo scelto il nostro futuro. Il futuro di ogni lotta di resistenza nella storia dell'uomo.

È il nostro dovere, così come è nostro diritto combattere contro le forze d'occupazione e le loro nazioni saranno giudicate moralmente ed economicamente responsabili; per ciò che i loro governi eletti hanno distrutto e rubato dalla nostra terra.

Noi non abbiamo attraversato gli oceani ed i mari per occupare la Gran Bretagna o gli Stati Uniti, né siamo responsabili del 9/11. Queste sono soltanto alcune delle bugie che questi criminali presentano per coprire i loro programmi di pianificazione per il controllo delle risorse energetiche del mondo, in faccia della Cina crescente e ad un Europa unificata e forte. È ironico che l'Iracheno debba sopportare in pieno viso questo grande e crescente conflitto, a nome del resto di questo mondo che dorme.

Ringraziamo tutti coloro, compresi quelli la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, che hanno preso la via della protesta contro questa guerra e contro la globalizzazione. Inoltre ringraziamo la Francia, la Germania ed altre nazioni per la loro posizione, che noi consideriamo saggia ed equilibrata e che deve lavorare ora.

Oggi vi chiamiamo ancora.

Non chiediamo armi o combattenti, dato che ne abbiamo in abbondanza.

Vi chiediamo di formare un fronte mondiale contro la guerra e le sanzioni. Un fronte che è governato dal saggio e dal sapere. Un fronte che porterà la riforma e l'ordine. Nuove istituzioni che sostituirebbero l'attuale corruzione.

Cessate di usare il dollaro degli Stati Uniti, usando l'euro o un paniere di valute. Riducete o fermate i vostri consumi di prodotti britannici e degli Stati Uniti. Mettete un freno al sionismo, prima che esso finisca il mondo. Istruite quelli che sono in dubbio sulla natura di questo conflitto e che credono ai media mentre gli incidenti sono ben superiori di quanto loro ammettono.

Desideriamo soltanto di avere più macchine fotografiche per mostrare al mondo la loro sconfitta.

Il nemico è nel funzionamento. Sono nel timore di un movimento di resistenza, che non possono vedere né predire.

Noi, ora scegliamo quando, dove e come colpire. Come i nostri antenati hanno disegnato le prime scintille di civilizzazione, noi ridefiniremo la parola "conquista."

Oggi scriviamo un nuovo capitolo delle arti nella guerriglia urbana.

Sappiate che aiutando la gente irachena state aiutando voi stessi, dato che domani possono portare la stessa distruzione presso di voi.

L'assistere la gente Irachena non significa trattare con gli Americani per alcuni contratti qui e là. Dovete continuare ad isolare la loro strategia.

Questo conflitto non è più da considerarsi una guerra localizzata. Né può il mondo rimanere ostaggio del timore rigenerato senza fine, che la gente americana soffre in generale.

Li bloccheremo qui in Iraq per svuotare le loro risorse, la forza lavoro e la loro volontà di lotta. Li faremo spendere tanto quanto rubano, se non più.

Li interromperemo, fermando il flusso del nostro olio rubato, in modo da rendere così i loro programmi inutili.

E più presto un movimento sarà nato, più vicina sarà la loro caduta.

Ed ai soldati americani noi diciamo, voi potete anche scegliere combatterci con la tirannia. Mostrandoci le vostre armi e cercando i nostri rifugi nelle moschee, chiese e sedi. Noi li proteggeremo. E ri-otterremo l'Iraq, come abbiamo fatto con alcuni altri prima di voi.

Tornate di nuovo alle vostre case, dalle vostre famiglie che vi amano. Questa non è la vostra guerra. Né combattete per una giusta causa in Iraq.

Ed a George W. Bush, noi diciamo: "You have asked us to 'Bring it on’, and so have we. Like never expected. Have you another challenge?"


Questo articolo è stato inviato da Bloggers per la PACE
http://lnx.siatec.net/bloggersperlapace/

La URL di questo articolo è:
http://lnx.siatec.net/bloggersperlapace/modules.php?op=modlo
ad&name=News&file=article&sid=589





Testo inglese:
http://www.uruknet.info/?p=8140


:: Articolo n. 8212 postato il 18-dec-2004 04:46 ECT

www.uruknet.info?p=8212

Link: www.bloggersperlapace.org/



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet





       
[ Versione stampabile ] | [ Spediscila a un amico ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 01/01/1970 01:00 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

url originale



 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475012153